Rimini centro

108

Perchè scegliere Rimini centro

Rimini centro: tra storia e cultura

Rimini centro possiede un grande patrimonio architettonico e artistico che la rende una meta ideale per gli amanti della storia e dell'arte. Ma non è solo la cultura ad attrarre i turisti. Anche i numerosi locali, i negozi, i numerosi eventi, attirano in città coppie in vacanza, famiglie con bambini, viaggiatori d'affari.
 

Rimini centro: le chiese


Si contano numerose chiese ma quelle di maggiore interesse artistico sono il Duomo di Rimini (Tempio Malatestiano), la chiesa di Sant'Agostino e quella di San Giuliano Martire.
Il Tempio Malatestiano, progettato da Leon Battista Alberti nel primo Rinascimento per volere del signore di Rimini, Sigismondo Pandolfo Malatesta, custodisce le salme di quest'ultimo e di Isotta degli Atti, la sua amante. Sempre all'interno del Tempio Malatestiano sono presenti due opere d'arte di grande valore: il Crocifisso di Giotto ed un affresco di Piero della Francesca.
La chiesa di Sant'Agostino costruita nel 1247 è uno dei maggiori luoghi di culto della città.
Gli altri edifici religiosi del centro storico sono il Tempietto di Sant'Antonio da Padova ed alcune chiese: di San Bernardino, del Suffragio, dei Servi, di Santa Rita e di Santa Chiara.
A sud del centro storico, nel borgo San Giovanni, sorge la chiesa di San Giovanni Battista mentre ad un chilometro verso sud troviamo il Santuario della Madonna della Colonnella.

 

Rimini centro: monumenti, palazzi e scavi archeologici

I monumenti storici della città assolutamente da visitare sono l'Arco d'Augusto, il Ponte di Tiberio e l'anfiteatro romano, tutti e tre risalenti all'epoca romana. Dello stesso periodo è la Domus del Chirurgo, il cui sito archeologico è venuto alla luce solo di recente.
L'Arco d'Augusto, in pietra d'istria, rappresenta uno dei simboli della città di Rimini. Un tempo fungeva sia da porta d'ingresso nella cività romana sia da arco trionfale in onore di Augusto per celebrare il restauro della via Flaminia (della quale l'arco segnava l'inizio).
Il Ponte di Tiberio, anch'esso in pietra d'istria ed anch'esso considerato uno dei simboli di Rimini (infatti assieme all'Arco d'Augusto è presente nello stemma della città), è stato costruito per volere di Augusto ma terminato da Tiberio. E' uno dei ponti romani meglio conservati al mondo, nonostante i bombardamenti subiti durante la guerra.
L'anfiteatro romano aveva una capacità di diecimila spettatori ed oggi se ne possono ammirare i resti tra Via Roma e Via Anfiteatro, che prende il nome dal monumento.
Il Palazzo dell'Arengo, principale monumento dell'età comunale e sede del potere civile in età medievale, costituisce un unico complesso con il Palazzo del Podestà ed il Palazzo Garampi, dove ha attualmente sede l'amministrazione comunale. Tutti e tre i palazzi sono situati in Piazza Cavour.
Un altro palazzo importante è il Palazzo Gambalunga, dove ha sede la biblioteca comunale (Biblioteca Gambalunghiana).
E' stato sede dei musei civici fino a quando è stato inaugurato il Museo della Città.
Il Teatro Galli è il teatro comunale ed è la maggiore opera di architettura neoclassica di Rimini. Costruitoda Luigi Poletti, fu parzialmente distrutto da un bombardamento la seconda guerra mondiale e tale è rimasto fino ad oggi in quanto non è mai stata ricostruita la parte distrutta.
Altri monumenti da visitare per coloro che soggiornano a Rimini sono sicuramente la Fontana della Pigna (descritta addirittura da Leonardo da Vinci), il Monumento a Paolo V e la Pescheria, tutti e tre situati in Piazza Cavour, e la Torre dell'orologio, situata invece in Piazza Tre Martiri, ex piazza Giulio Cesare.
Castel Sismondo, costruito per volere dell'antico signore di Rimini, Sigismondo Malatesta, fu residenza e fortezza di quest'ultimo e della sua famiglia, i Malatesta. Circondato da un fossato (oggi riempito) era dotato di due ponti levatoi che immettevano in due distinte corti entrambe fortificate: la corte a mare verso la città e la corte del Soccorso verso l'entroterra. Il nucleo centrale, che le divideva, era composto da un grande cassero, da cinque torri e da un corpo meridionale (il Palazzo di Isotta). Nel tempo si sono verificati dei cambiamenti quali l'abbassamento delle torri e la demolizione totale della cinta esterna. Oggi della rocca rimane solamente il nucleo centrale.

Rimini centro: shopping e svago
Ma il centro di Rimini non offre solo storia e cultura. Offre anche opportunità di shopping e quindi tra i luoghi di interesse della città annoveriamo le strade e le piazze principali. Delle piazze si è già detto sopra: nel centro storico troviamo Piazza Tre Martiri, attraversata dal corso d'Augusto, via dello shopping cittadino, che da un lato giunge fino all'Arco d'Augusto e dall'Altro fino al Ponte di Tiberio, oltre il quale si trova Borgo San Giuliano. Sempre dalla Piazza Tre Martiri, antico foro dell'epoca romana, partono anche via Garibaldi (altra strada ricca di negozi e locali) e via IV Novembre sulla quale troviamo il Duomo di Rimini (il Tempio Malatestiano), la quale conduce alla Stazione ferroviaria della città ed al Terminal Bus. La parte del corso d'Augusto che conduce al Ponte di Tiberio passa per la Piazza Cavour, dove hanno sede le amministrazioni cittadine. In questa Piazza si trovano le vecchie Pescherie, dove il pomeriggio e la sera i locali si riempiono per l'aperitivo ed il dopo cena. Via Gambalunga, sulla quale si trova la Biblioteca, collega Piazza Cavour a Piazza Ferrari, sede dello scavo archeologico della Domus.
108

Rimini centro